Tempi e Spazi
Laboratorio
sugli SPAZI


sei in Tempi e Spazi  Spazi  10 regole  Le regole

Dieci regole... per una città d'oro

Regola uno

Percepire, amare e curare gli spazi di vita come parte integrante di noi stesse/stessi. 'Sentirli' e 'vederli' con tutti i nostri sensi e trasformarli dando forme e colori alla parte più bella di noi.

Regola due

Abitare con consapevolezza ogni frammento di città è il primo modo per partecipare a progettarla coralmente. Questo è il requisito qualitativo di fondo perché essa possa esprimere ed accogliere creativamente le diverse provenienze, culture, religioni, percorsi di vita di donne e uomini di ogni età.

Regola tre

Lo spazio che accoglie ogni nostro istante di vita è oggetto di studio ad ogni età. E' una preziosa occasione di apprendimento, campo dove imparare e crescere anche attraverso l'esperienza, appunto il fare la città.

Regola quattro

L'approccio alla progettazione della città è multidisciplinare. Essa è assunta nella sua complessità, come luogo plurale, come spazio per le relazioni e l'azione collettiva, come laboratorio creativo di urbanità. E' dove si costruisce e allo stesso tempo si esprime, attraverso i suoi tempi e i suoi spazi, la propria cittadinanza.

Regola cinque

La progettazione dello spazio architettonico e urbano contribuisce a costruire e ad alimentare in ogni persona senso di responsabilità nei modi di abitare e senso di appartenenza.

Regola sei

Ogni intervento sul tessuto architettonico e urbano è una opportunità per migliorare la qualità della vita degli abitanti; per usare in modo appropriato le risorse locali; per sviluppare occasioni di investimento sociale; per rispondere anche ai bisogni particolari delle persone con problemi di mobilità e/o sensoriali. Le esigenze particolari di queste persone sono integrate progettualmente negli spazi architettonici e urbani. Nella ricerca e realizzazione delle soluzioni ottimali si ha cura sia dell'aspetto funzionale che di quello estetico.

Regola sette

Il progetto di un qualunque spazio architettonico e urbano è un processo alchemico dove ogni componente concorre alla trasformazione degli spazi che rispecchiano i tempi e le scelte di vita di chiunque li vive. La progettazione partecipata quindi è un percorso esperenziale dove le diverse figure tecniche e gli abitanti valorizzano - anche nel fare - i propri saperi, la memoria e le energie dei luoghi.

Regola otto

Alimentare ad ogni età la consapevolezza che tanto più si partecipa a fare la città, tanto più essa sarà bella, accogliente, sicura e solidale anche in ogni suo più piccolo frammento.

Regola nove

Il governo delle città si incentra sulle buone pratiche, sviluppa politiche "vicine agli abitanti", promuove la qualità urbana anche attraverso progetti finalizzati a coltivare e arricchire, in ogni persona la cultura della città. I tecnici e gli amministratori locali sviluppano nuove capacità e competenze per lavorare in maniera integrata, intersettoriale e partecipata.

Regola dieci

Portare la 'natura' nelle città incentivando e facilitando il rapporto quotidiano delle persone di ogni età con il "verde" è anche un modo per curarsi curando gli spazi della nostra quotidianità.

Scheda a cura di Fanny Di Cara, giugno 2001
Dieci regole... per una città d'oro