salta la barra
Tempi e Spazi
Tempi e spazi


sei in Tempi e Spazi  Leggi e normative  Organizzazione dell'orario di lavoro

Organizzazione dell'orario di lavoro


Segnalazione leggi e normative

Riferimento Normativo

Decreto Legislativo

Numero

66

Data

08/04/2003, Pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale del 14 aprile 2003, n.87 - Suppl. Ord.

Oggetto

Attuazione delle direttive 93/104/CE e 2000/34/CE concernenti taluni aspetti dell'organizzazione dell'orario di lavoro, e abrogazione di tutte le norme precedenti non richiammate ( legge n. 196 del 1997 , L. n. 25 del 199 e d. lgs 532/99 sul lavoro notturno).

Commento della redazione

In Italia per ottanta anni la regolamentazione dei tempi di lavoro si è basata sul Regio decreto n. 692 del 1923, fino alla legge Treu del 1997 sulle 40 ore di lavoro e alla legge del 1999 sul lavoro notturno. Il decreto del 2003 attua le direttive europee ma non si pone la finalità della salute e sicurezza dei lavoratori, come esse fanno. Inoltre introduce alcuni punti di incertezza su questo versante: ad esempio rende indeterminata la durata massima giornaliera e settimanale del lavoro, non prevede pause adeguate e indebolisce alcune tutele preesistenti, ad esempio in materia di lavoro notturno. In base al d.lgs 626 del 1994 l’orario di lavoro è comunque uno dei rischi che devono essere valutati dal datore di lavoro, intervenendo laddove necessario per la prevenzione degli effetti sulla salute e sicurezza dei lavoratori dell’azienda.

Data ultima revisione dei contenuti della pagina: 01.03.2006